Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.
Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Il miele è un alimento preziosissimo, un vero e proprio tesoro... Prodotto dalle api, è un vero e proprio alimento, anzi molto di più...

Oggi parliamo del miele, ovvero della sostanza che per millenni ha rappresentato l'unico alimento dolcificante. Conosciuto da tempo immemore (le prime tracce di arnie costruite dall'uomo risalgono al sesto millennio AC circa), nell'antico Egitto il miele era molto apprezzato, e le prime notizie di apicoltori che si spostavano lungo il Nilo per seguire con le proprie arnie la fioritura delle piante risalgono a 4000 anni fa.
Durante gli scavi delle tombe dei faraoni sono stati rinvenuti vasi di miele ermeticamente chiusi il cui contenuto si era perfettamente conservato. Lo usavano anche per curare i disturbi digestivi e per creare unguenti per piaghe e ferite. Oltre all' uso alimentare, il miele è stato usato per moltissimi impieghi: i sumeri lo impiegavano in creme con argilla, acqua e olio di cedro, mentre i babilonesi lo impiegavano per cucinare: erano diffuse infatti le focaccine fatte con farina, sesamo, datteri e miele. Nel Codice di Hammurabi si ritrovano articoli con cui gli apicoltori erano tutelati dal furto di miele dalle arnie.

La medicina ayurvedica, già tremila anni fa, considerava il miele purificante, afrodisiaco, dissetante, vermifugo, antitossico, regolatore, refrigerante, stomachico e cicatrizzante. Per ogni specifico caso era indicato un differente tipo di miele: di ortaggi, di frutti, di cereali o di fiori.

I Greci lo consideravano "cibo degli dei", e dunque rappresentava una componente importantissima nei riti che prevedevano offerte votive. Omero descrive la raccolta del miele selvatico; Pitagora lo raccomandava come alimento per una vita lunga.

I romani ne importavano grandi quantitativi da Creta, da Cipro, dalla Spagna e da Malta. Quest'ultima pare anche derivarne il nome originale Meilat, appunto terra del miele. Veniva utilizzato come dolcificante, per la produzione di idromele, di birra, come conservante alimentare e per preparare salse agrodolci.

Ora quello che sembrava pratica medica empirica, in molti casi sembra essere confermato scientificamente; diversi studi hanno confermato che il miele possiede davvero proprietà antisettiche, in particolare quello di castagno o eucalipto pare efficace contro lo stafilococco aureus, un batterio che in determinate condizioni si mostra particolarmente aggressivo. Altri studi invece hanno confermato le capacità emolienti del miele, rendendolo un toccasana per il mal di gola così frequente in autunno specie in ambienti inquinati come le nostre città.
Il miele a mio parere ha solo una controindicazione, considerato che contiene una (piccola) fonte di ormoni estrogeni, è consigliabile non somministrarlo in grosse quantità ai bambini troppo piccoli, questo è davvero l'unico aspetto negativo in un alimento che per il resto è davvero il cibo degli dei...

Il miele in cucina

Sono davvero praticamente infiniti gli usi del miele in cucina, e ci sono diversi piatti che hanno come ingrediente il miele; provate ad esempio il miele sul pane nero tostato con fettine di lardo... La bilancia si risentirà un po', ma avrete gustato una vera e propria delizia per il palato....