Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.
Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Inauguriamo una nuova interessantissima rubrica: la storia a tavola, ovvero un viaggio tra storia, miti e leggende per scoprire come nacquero alcuni piatti famosissimi; cominciamo con la pasta alla carbonara.

Storia e leggenda spesso si intrecciano nella nascita di una ricetta; la pasta alla carbonara, per esempio,  ha origini molto incerte, e molte sono le ipotesi che ne descrivono la nascita; quello che è certo, però, è che è un piatto buonissimo...

 

Spaghetti alla carbonaraFiumi di inchiostro sono stati versati per cercare di dare una paternità alla pasta alla carbonara, un piatto dalle origine piuttosto oscure; proprio questa origine dubbia ha scatenato tutta una serie di rivendicazioe di "paternità" in molte zone d'Italia; i romani la considerano una loro invenzione, altri le collegano ai carbonai dell'Umbria, la campania sostiene che sia merito di un suo nobile chiamato Ippolito Cavalcanti, che ne pubblicò la ricetta in un suo libro; anche i sardi ne rivendicano la paternità ipotizzandone la nascita a Carbonia nel cagliaritano, ad opera di un cuoco in seguito trasferitosi a Roma.

Il nome "carbonara" evoca anche i celebri moti, ed ecco quindi una teoria che ne suggerisce la nascita nei nascondigli dei moti carbonari.

Personalmente, la teoria che mi sembra più plausibile è invece quella che voglia la nascita di questo splendido primo piatto durante la seconda guerra mondiale ad opera di un soldato americano, intento ad insaporire la pasta con la sua razione di uova e bacon (un piatto tipico della colazione anglossassone); la conferma potrebbe essere data dal fatto che gli ingredienti (uova e pancetta) sono molto utilizzati nei paesi anglosassoni e dal fatto che all'atto pratico non esiste alcuna testimonianza letteraria dell'esistenza di questo piatto prima del 1944, e che a Roma esso era sconosciuto prima della seconda guerra mondiale.

Controversa anche la disputa sulla pasta lunga o corta; a Roma utilizzano i rigatoni, ma sono molto utilizzati anche gli spaghetti; in ogni caso la pasta alla carbonara è davvero eccellente, e anche se di dubbia origine, quello che è certo è che è entrata di diritto nella hit-parade gastronomica italiana!

Ricetta della pasta alla carbonara

Ingredienti (per 4 persone)

  • 400 gr. di Spaghetti o pasta corta (rigatoni)
  • 200 gr. di pancetta affumicata
  • 4 Uova
  • 80 gr. di parmigiano grattugiato
  • 40 gr. di Burro
  • Olio
  • Sale e pepe

Cuocete gli spaghetti in acqua bollente, salando un po' meno del normale; effettuare una cottura al dente. Tagliate a dadini la pancetta di maiale, e scioglietela in un tegame con un poco di olio, e, a rosolatura avviata, aggiungete un pochino di acqua e cucinate per una decina di minuti a fuoco moderato.
A questo punto sbattete le quattro uova intere, come per fare una comune frittata, ed aggiungetevi il parmigiano grattugiato ed un buon pizzico di pepe nero. Preparate una pentola alta sciogliendovi tutto il burro sul fondo, versatevi la pasta scolata, la pancetta preparata con il suo unto bollente. Mischiate con due forchette delicatamente per non spezzare gli spaghetti e poi unite le uova preparate col formaggio, mescolate fintanto che le uova non risultino rapprese. Servite subito ben caldi.